CONSEGUENZE TURV

L'intervento di TURV (resezione transuretrale di Vescica)  consiste nell'asportazione endoscopica (quindi senza tagli esterni) di formazioni vescicali (polipi, neoformazioni, etc).

L'intervento crea nell'immediato postoperatorio un possibile sanguinamento evidente nelle urine, ed è la ragione per cui durante il ricovero il paziente si trova con un catetere e delle sacche di fisiologica che lavano in maniera continuata la vescica. Queste servono a portare verso l'esterno il sangue ed a evitare che si formino coaguli (ammassi di sangue) all'interno della vescica assicurando un corretto svuotamento della vescica stessa.

Successivamente alla dimissione è possibile, talvolta anche per 45 giorni vedere le urine cambiare colore dal classico giallo paglierino al rosa o rosse, a volte al primo getto di urina o in maniera continuata con emissione anche di nuovi coaguli. Questa situazione è quella che in termini tecnici viene chiamata "caduta d'escara", ovvero a forza di bere e quindi urinare le "crosticine" o coaguli che erano attaccate all'interno della vescica (là dove è stato eseguito l'intervento) si staccano e sciogliendosi colorano l'urina. Questa condizione può talvolta continuare anche più del tempo precedentemente scritto se il paziente esegue terapie con farmaci antiaggreganti tipo warfarin, coumadin, plavix, clopidrogel, aspirina, cardioaspirina, cardirene, etc.

Altra condizione frequentemente lamentata è l'urgenza minzionale, ovvero uno stimolo minzionale che obbliga il paziente a correre in bagno talora con emissione di urine ancor prima di raggiungere i servizi igienici. La condizione è determinata dalla condizione di infiammazione della vescica. E' una condizione che generalmente si risolve nell'arco di qualche giorno ma che può perdurare in alcuni pazienti anche 6 settimane.

I bruciori urinari sono presenti in tanti pazienti e variano in base alla dimensione della formazione asportata dalla vescica e al numero di formazioni asportate oltre alla loro posizione, sono bruciori passeggeri che durano al massimo 10 giorni e che migliorano con grandi assunzioni di liquidi e quindi con numerose minzioni. Oltre i 10 giorni bisogna prendere in considerazione la possibilità che ci sia una infezione delle vie urinarie.


Potrebbe interessarti anche:

- Intervento di TURV
- Video di una TURV
- Video di una Cistoscopia
- Tumore Vescicale Superficiale
- Cistoscopia

- Instillazioni Endovescicali di Chemioterapico
- Cistectomia Radicale nella donna
- Cistectomia Radicale nell'uomo
- Ho visto sangue nella pipì, mi devo preoccupare?
- Solo TRE sigarette al giorno...