ORCHIFUNICOLECTOMIA

L'intervento consiste nell’asportazione del testicolo e del funicolo spermatico. Lo si esegue nei seguenti casi: sospetto di tumore maligno testicolare, testicolo ritenuto complicato, infarto testicolare a seguito di torsione, trauma testicolare con rottura dell’albuginea e ascesso testicolare resistente alla terapia medica.

Si esegue solitamente in anestesia spinale in regime di Day Surgery. La durata dell'intervento è in genere breve, intorno ai 30 minuti.

La tecnica prevede una incisione inguinale di circa 4-6 cm (nel caso di patologie tumorali o sospette tali e testicoli ritenuti).

La tecnica con accesso scrotale viene usata solo nei casi di orchiectomia semplice cioè per il trattamento di processi benigni (necrosi, torsione, infezione).

Se il paziente desidera e se non vi sono controindicazioni di carattere locale che possano predisporre al rigetto è possibile applicare nello stesso intervento una protesi testicolare a fini estetici.

Nel postoperatorio si potrà verificare:

  • dolore, generalmente di grado lieve, a livello della ferita

  • gonfiore dello scroto, che si risolve con riposo e somministrazione di antiinfiammatori nell’arco di 15 giorni

  • possibile formazione di ematoma endoscrotale che raramente può richiedere il drenaggio chirurgico

Alla dimissione si invita il paziente ad evitare attività fisica intensa per almeno 6 settimane. E’ utile fornire allo scroto un sostegno (sospensorio o slip) per cercare di ridurre o evitare l’edema post operatorio.